Ragazzo sfregiato da un rapinatore

Adesso i ragazzi non sono più sicuri nemmeno quando vanno a scuola. Ne sa qualcosa M.F., 15 anni, che ieri mattina alle 8 meno 10 stava entrando nel’istituto dove frequenta le medie superiori, a Sturla, quando è stato aggredito da un uomo armato di cutter che gli ha intimato di consegnarli il telefono cellulare e i soldi che aveva in tasca. Preso alla sprovvista, il ragazzo non ha intuito immediatamente la situazione di pericolo in cui si trovava e ha cercato di liberarsi del delinquente tentando una reazione. Il delinquente, a quel punto, non ci ha pensato due volte e lo ha colpito con due fendenti alla fronte causandogli profondi tagli. Poi, resosi conto che le urla della sua vittima avevano attirato l’attenzione di alcuni passanti che avevano visto l’aggressione, è scappato via facendo perdere le proprie tracce.
Il ragazzo, che perdeva molto sangue dai tagli, è stato subito accompagnato al pronto soccorso dell’ospedale San Martino dove gli hanno ricucito le ferite e lo hanno dimesso con una prognosi di sette giorni.
A mettersi in caccia dell’aggressore sono stati invece i carabinieri che, pur perlustrando accuratamente la zona, non sono riusciti a trovarlo.
Dopo aver interrogato il ragazzo, i militari sono giunti alla conclusione che con ogni probabilità ad aggredirlo è stato un tossicodipendente che da qualche tempo si era appostato nei pressi della scuola pronto a scattare non appena se ne fosse presentata l’occasione.
A questo punto i carabinieri intensificheranno i controlli vicino agli istituti scolastici per verificare se il delinquente si ripresentasse.