Raggi Traccianti Ottici, lo sguardo che uccide New York

NEW YORK, 24 giugno 2091. Misure rigide sono state decise ieri dal governatorato di New York per disciplinare il «traffico» dei Raggi Traccianti Oculari. A rendere necessario l’intervento dell’autorità è stato il preoccupante incremento, negli ultimi mesi, dei decessi causati dalla pesantezza e dall’invasività degli RTO.
Come è noto, da circa cinque anni tutti i residenti over 14 della città statunitense usufruiscono dei caschi che consentono la visione panottica grazie ai traccianti. Ma se da un lato la visione a 360 gradi ha migliorato notevolmente la qualità della vita e soprattutto del lavoro di milioni di newyorkesi, dall’altro ha determinato un sovraccarico di radiazioni che per alcune centinaia di persone si è rivelato letale. L’esposizione prolungata agli RTO, ha rivelato un’indagine condotta dai Laboratori «Wellife» che hanno sede a Manhattan, oltre a procurare in alcuni soggetti irritazioni cutanee ed emicranie, può intaccare l’apparato scheletrico, in modo particolare le ossa degli arti superiori e del cranio. E proprio fra le persone colpite al cranio si contano i 763 decessi registrati fino a ieri per rammollimento cerebrale.
Ecco le misure per fronteggiare l’emergenza RTO: limitazione della visione a 250 gradi; uso dei «traccianti» soltanto nelle ore notturne; divieto di far cadere sotto il cono ottico i minori di 14 e i maggiori di 80 anni.