Rai, dall'anno prossimo stop ai reality

Roma - "Eliminare già dalla programmazione del prossimo anno i reality". È una delle proposte editoriali contenute nelle "comunicazioni" al Cda Rai fatte oggi in apertura della seduta del consiglio, dal presidente della Rai, Claudio Petruccioli. "I reality - ha sottolineato Petruccioli nella sua relazione, diffusa alla stampa - hanno segnato una stagione dell'offerta televisiva; hanno fornito una gran quantità di dati che accrescono le conoscenze e possono affinare l'esperienza di chi fa televisione. Una stagione, però, va considerata conclusa: quella dei reality che rappresentano le persone in situazioni artificiali e coercitive (una casa blindata, un'isola, un luogo che non c'è) da cui discendono inevitabilmente situazioni improbabili e comportamenti immotivati quando non degradanti; situazioni e comportamenti che entrano spesso in contrasto con quanto la generalità dei telespettatori attende dal servizio pubblico. La Rai non rinnega la scelta di essersi misurata anche con i reality, non esclude affatto che in futuro e in contesti diversi possa tornare a questo tipo di trasmissioni. Oggi, però deve fare una scelta coraggiosa e sfidante, come brodcaster e come titolare del servizio pubblico: va segnata una discontinuità, va rotta una abitudine che non offre più nulla di propulsivo. Al di là di questo mio punto di vista, ci sono decisioni con effetto a brevissima scadenza che vanno prese e che saranno oggetto di apposita comunicazione del dg", ha aggiunto Petruccioli.