La Rai deve rassegnarsi: Saccà resta al suo posto

Rai, di tutto, di più. Tranne una cosa: rimuovere il direttore di Rai Fiction Agostino Saccà dalla poltrona che ha riconquistato qualche settimana fa per sentenza. Ieri l’ultimissimo verdetto, sempre a lui favorevole, quello del Tribunale del lavoro, che ha stabilito che il reclamo della Rai contro la sentenza di reintegro non ha ragione di esistere: Agostino Saccà deve restare al suo posto. Il direttore di Rai fiction gongola: «È il terzo giudice che ascolta le mie buone ragioni». Saccà manda un messaggio anche a chi non lo vuole: «Non polemizzo. Passata l’ira le cose passano, parlano i fatti, se no saremmo all’asilo infantile». Solidarietà al direttore di Rai fiction è stata espressa da Giorgio Panariello: «Fu lui che mi scoprì e mi fece lavorare in Rai». Prossima tappa, domani, quando il caso sarà trattato dal Cda della Rai.