La Rai fa pagare agli italiani folli premi e stipendi da nababbi

In questi giorni il Parlamento sta discutendo la Legge finanziaria che stabilisce l’ammontare delle entrate in funzione delle spese e non viceversa. Quindi più tasse e più imposte per i cittadini per coprire spese sempre più crescenti. Questa considerazione può essere fatta anche nei confronti della Rai i cui dirigenti chiedono maggiori entrate (aumento del canone) per elargire, fra l’altro, favolosi compensi a conduttori e ospiti di trasmissioni di basso livello culturale per non dire scandalose.
È riprovevole che Affari tuoi metta in palio ogni giorno milioni di euro a favore di partecipanti a cui non è richiesta alcuna preparazione culturale. Un’azienda di Stato non deve sperperare tanto denaro, tanto più che la Rai gestisce soldi anche nostri. La dirigenza Rai non è per niente giustificata se per reggere la concorrenza sparge con tanta facilità le proprie risorse. Tanto poi qualcuno pagherà!