Rai-Nazionale un contratto da 154 milioni

da Roma

Nazionale di calcio campione del mondo e Rai ancora insieme per i prossimi quattro anni. Nessuno, in verità, ha mai messo in dubbio l’epilogo raggiunto ieri pomeriggio tra le due delegazioni ma la firma del nuovo contratto ha un valore simbolico oltre che politico. Per la cifra strappata dal commissario straordinario della federcalcio Luca Pancalli ai dirigenti della tv di Stato: ottenuti 154 milioni di euro per i prossimi quattro anni che accompagneranno gli azzurri verso il mondiale in Sud Africa. Evidente il salto di qualità economica dell’accordo della durata di quattro stagioni e che comprende, oltre che le partite domestiche dei tornei di qualificazione (europeo e mondiale) anche le amichevoli fissate in un numero di quattro a stagione. Il precedente contratto, ottenuto dopo il flop al mondiale di Corea e Giappone da Franco Carraro, era stato valutato al ribasso e fissato in 121 milioni di euro. Nell’ultimo negoziato, i vertici della Rai hanno anche sottoscritto l’intesa in forza delle quali, le trasmissioni sportive valorizzeranno tutte le nazionali minori e non soltanto le prove dell’under 21 che resta, a tutti gli effetti, la seconda squadra del club Italia. Il contratto è stato controfirmato da Pancalli per la federcalcio e da Petruccioli, presidente del cda Rai.