Rai, nominato il Cda Garimberti presidente

L’Assemblea degli azionisti della Rai ha nominato il nuovo consiglio di amministrazione, Paolo Garimberti è stato indicato come nuovo presidente<br />

Roma - L’Assemblea degli azionisti della Rai ha nominato il nuovo consiglio di amministrazione dell’azienda. Paolo Garimberti è stato indicato come presidente della Rai. Ne fanno parte Giovanna Bianchi Clerici, Rodolfo De Laurentiis, Alessio Gorla, Nino Rizzo Nervo, Guglielmo Rositani, Giorgio Van Straten, Antonio Verro (eletti dalla commissione Parlamentare di Vigilanza), Angelo Maria Petroni e Paolo Garimberti indicati, come prevede la legge, dall’azionista di maggioranza, che ha indicato Garimberti per la nomina a presidente della società. Ne dà notizia un comunicato dell’ufficio stampa di Viale Mazzini.

Petruccioli: sarò testimonial dell'azienda "La Rai è una realtà, un’azienda un insieme di persone di cui l’Italia può e dovrebbe essere fiera. Anche adesso che sarò fuori di qui, di ciò sarò il più convinto testimonial". Lo dice Claudio Petruccioli, presidente uscente della Rai, che ha affidato ad una email il saluto a tutti i dipendenti. "Nella impossibilità di farlo con tutti personalmente, mi affido a questo rapido mezzo di comunicazione dei tempi nostri - dice a proposito della scelta di inviare una email - per rivolgervi un sincero, affettuoso, calorosissimo saluto. Questi anni in Rai, con voi, sono stati per me una esperienza straordinaria, sotto ogni punto di vista; quello umano innanzitutto". Vi ringrazio con tutto l’entusiasmo di cui sono capace; consapevole di quanto ciascuno di voi dà a questa azienda e al servizio che assicura al nostro Paese e ai nostri concittadini".

"Niente retorica" "Non temo, con voi, il rischio della retorica. Fra le tantissime cose che ho imparato lavorando insieme, soffrendo e sperando insieme giorno per giorno, c’è, questa, la più importante: la Rai è una realtà, un’azienda un insieme di persone di cui l’Italia può e dovrebbe essere fiera. Anche adesso che sarò fuori di qui, di ciò sarò il più convinto testimonial. Grazie ancora - conclude il presidente uscente - vi faccio i miei migliori auguri: a tutti insieme come Rai e a ciascuno per la sua vita, per le aspirazioni, i desideri, gli affetti privati. Fatemelo dire senza diventare troppo rosso in viso: oggi dalla Rai se ne va uno come voi, orgoglioso di essere uno come voi. Vi abbraccio".