Rai, oggi il voto su Malgara

Con ogni probabilità neanche oggi la Rai riuscirà ad avere un presidente. La commissione di Vigilanza si appresta infatti a «bocciare» il candidato designato dall'azionista Tesoro, Giulio Malgara: i parlamentari dell'Unione voteranno no, facendo mancare il quorum dei 2/3 necessario per legge per la ratifica del presidente. Lo stesso Malgara, che solo oggi scioglierà la riserva, non ha ancora accettato formalmente la nomina a consigliere di Viale Mazzini da parte dell'assemblea degli azionisti e potrebbe rinunciare, come ha già fatto Andrea Monorchio. «Il no a Malgara non è mai stato in discussione», dice il capogruppo Ds in Vigilanza Giuseppe Giulietti, commentando le indiscrezioni delle ultime ore sui «dubbi» dei prodiani e sulla presunta «apertura» al presidente dei pubblicitari in cambio di un accordo sul direttore generale (tra gli altri, erano circolati i nomi di Antonello Perricone, ex manager della Sipra, e di Giovanni Minoli). «È stato solo un abile tentativo del centrodestra di far apparire l'Unione divisa - aggiunge Giulietti -. La Cdl farebbe bene a scegliere la strada del confronto libero. Credo che a questo punto la soluzione migliore sia che Malgara si ritiri e che si apra un'altra fase, di confronto politico nelle sedi istituzionali».