Raid animalista: liberati 1000 topi e 25 scimmie

Franco Sala

Sono entrati in azione anche gli uomini del Fronte Liberazione Animali, il Fla. L’altra notte il «commando» dopo aver aperto un varco nella recinzione, dal tetto si sono calati all’interno dell’Harlen, in via Fiume 8 di Correzzana. Gli animalisti hanno liberato 1.000 topini bianchi e 25 scimmie delle 50 rinchiuse in cattività. Prima d’entrare in azione il gruppo, che probabilmente aveva studiato il piano in precedenza, ha coperto le telecamere a circuito chiuso. Quando, ieri mattina, l’impiegata della ditta è arrivata sul posto, ha scoperto l’inaspettata incursione. Sul posto arrivano gli uomini dell’Arma, i quali immediatamente si rendono conto d’essere più avvezzi a catturare malviventi piuttosto che scimmie. In effetti, l’impresa si rivela impossibile. I quadrumani, saltano, corrono, s’arrampicano ovunque: difficile catturarli e rimetterli in gabbia. Alla fine i militari desistono. Meglio, far intervenire gli esperti circensi sopraggiunti da Varese «armati» di fucili caricati con proiettili gonfi di sonnifero. Prima del crepuscolo le scimmie, che scodinzolavano dentro il parco recintato del laboratorio, sono state rimesse dietro le sbarre. Dei topolini invece, nessuna traccia. Forse, la banda del Fla, li ha portati lontano, per poi liberarli in qualche bosco. Gli autori dell’insolito gesto hanno distrutto computer, microscopi e tutto il materiale tecnologico presente nei laboratori. Alla fine del raid, hanno trovato pure il tempo per lasciare sui muri alcune scritte: «Le nostre coscienze contro la vostra legge», «Assassini», «Animali liberi». Gli inquirenti hanno aperto un’inchiesta.