Raidue «Malpensa»: il talk show sul Nord

Si chiama «Malpensa, Italia» e parte domani sera alle 23.40 su Raidue. È un talk show che si occupa delle priorità politiche del nord. «Vediamo i cambiamenti fatti da quando è esplosa la questione settentrionale, 15 anni fa, anche grazie a “Milano, Italia”», spiega il conduttore Gianluigi Paragone. La prima puntata è sulla crisi economica. Fra gli ospiti Giulio Tremonti, Massimo D’Alema, Diego Della Valle e Oscar Giannino. In scaletta un’intervista a Silvio Berlusconi. Il set di 600 metri quadrati è allestito nel terminal 1 dello scalo milanese. «Malpensa è il simbolo di una situazione problematica radicata in un territorio. Ma spero che almeno in Tv sappia eccellere, dimostri di avere l’X factor», scherza Giuseppe Bonomi, direttore generale già presidente della Sea, la società che gestisce gli aeroporti milanesi. Per vivacizzare l’ora e mezza di trasmissione è previsto un intervento fuori dal coro: il primo, sul consumismo, lo tiene il priore di Bose Enzo Bianchi, autore del libro Il pane di ieri. «Nella seconda puntata ci occuperemo di Islam ed eutanasia. Insomma - aggiunge Paragone -, potranno parlare tutti ma non è un programma imparziale». Poco male per la rete che manda in onda anche “Annozero” di Michele Santoro: «Non ho mai creduto al giornalista sopra la parti», conclude il direttore di Raidue Antonio Marano: «Per me è importante avere più voci, la libertà è la quantità».