Raikkonen: "Pronto alla sfida in Malesia, a Sepang ho iniziato a vincere"

Maranello (Modena) - Dopo i due giorni di test della settimana scorsa sul circuito di Sepang, Kimi Raikkonen è rimasto in Malesia per prepararsi in vista del Gp di domenica, quello dove quattro anni fa cominciò a vincere. C'è ancora qualche preoccupazione per la perdita d'acqua registrata dal motore che girerà anche in questa corsa, e che comunque dopo i controlli è risultato ok, ma «Iceman» è sicuro di una cosa: «Ce la metteremo tutta». «Sono su un'isola poco lontano dalla costa insieme ai miei familiari e ai miei amici più cari - ha detto 'Iceman' al suo sito e a quello della Ferrari -. Ci aspettano due settimane molto impegnative, con due corse consecutive a Sepang e a Sakhir. Per prepararmi al meglio mi sono rilassato seguendo il programma consueto, anche se qui in Malesia il clima è davvero caldo: sembra di essere in una sauna finlandese, però 24 ore su 24! Ho giocato a tennis e ho fatto un pò di palestra: devo dire che mi sento in forma».

«La gara di Melbourne è ormai un ricordo - ha detto ancora Raikkonen - Non dimenticherò mai l'arrivo: le mie sensazioni sul traguardo, le bandiere dei tifosi e la gioia della squadra. Ho festeggiato in maniera misurata ma ero ben felice di aver iniziato in questo modo la mia vita con la Ferrari». «In Malesia, diversi anni fa - ha detto ancora il pilota prima della sua seconda gara in rosso, a proposito del Gp di Malesia del 23 marzo 2003, quando correva con la McLaren - ho ottenuto il mio primo successo in Formula 1. Poi ho vinto altre gare ma la prima non si scorda mai, questo è certo. Spero che il prossimo fine settimana sia positivo come quello di Melbourne. Nei giorni scorsi abbiamo fatto un buon test. Ho girato per due giorni e siamo riusciti a raccogliere tutte le informazioni che volevamo. La F2007 sembra essere competitiva su ogni tipo di circuito e la squadra sta continuando a spingere in tutte le direzioni per migliorarla. Lo spirito competitivo che sto vedendo in tutti è davvero grande. Abbiamo appena iniziato il campionato ma è chiaro che, se vogliamo ambire al titolo, dobbiamo cercare di andare sempre a punti. Il circuito di Sepang è molto difficile ed impegnativo: se tutte le componenti del pacchetto non sono al massimo, allora non si è competitivi. Come ho detto, la macchina si comporta molto bene ma, finchè non siamo in pista, tutti nelle stesse condizioni, non si può mai sapere. Quindi, come mi capita sovente di dire, aspettiamo e vediamo come andrà stavolta».

I dubbi relativi al motore usato a Melbourne restano all'ordine del giorno: «C'è qualche preoccupazione. Abbiamo avuto una piccola perdita d'acqua nell'ultima parte della gara e così la squadra mi ha chiesto di rallentare esponendo la scritta 'Cool' sul tabellone, visto che la radio non funzionava per un problema con un connettore. Il propulsore è stato controllato in fabbrica e sono state fatte alcune simulazioni: ora i dati sono al vaglio dei tecnici. Speriamo, ovviamente, che il motore possa durare anche tutto il prossimo weekend e che non sia necessario cambiarlo prima delle qualifiche perchè vogliamo giocarci le nostre chance fino in fondo. Se invece dovessimo fare la sostituzione, allora le cose cambierebbero: tutto sarebbe più difficile dovendo partire dieci posizioni più indietro rispetto al risultato delle qualifiche e l'obiettivo sarebbe raccogliere un buon piazzamento, il migliore possibile. In ogni caso, ce la metteremo tutta».