Dopo il rame, anche cancelli nel mirino dei ladri

Si sono svegliati e non hanno più trovato il cancello d’ingresso in acciaio che proteggeva la villetta. Il tempo di correre in caserma per denunciare il furto e scoprire che non erano i soli. Da alcuni giorni infatti una banda di extracomunitari, secondo alcuni testimoni, sta facendo razzie di cancellate metalliche nei comuni di Bollate, Novate e Senago dove, nell'ultima settimana, ne sono spariti una decina. Non solo dalle villette, ma anche da aziende, dove i ladri hanno rimosso quelli carrai, grandi, pesanti e difficili da spostare».
«Evidentemente – spiegano gli inquirenti - non potendo più rubare il rame, visti i maggiori controlli, si sono riconvertiti dedicandosi all’acciaio, altro materiale che sul mercato ha il suo valore».
Il primo colpo giovedì a Bollate, in via Madonna in Campagna, a danno di una complesso che ospita diverse villette. La notte successiva a Novate, due furti tra via Leonardo da Vinci e via Bollate. A Senato infine la serie più preoccupante. Qui i malviventi hanno preso di mira la zona industriale: in via del Lavoro hanno colpito sei volte in una sola notte. «Non è mai successo nulla di simile, né mai ho sentito parlare di furti analoghi – ha raccontato Mario G. una delle vittime - ; evidentemente l’acciaio è diventato materiale pregiato». Tanto pregiato che gli imprenditori, per evitare sorprese, sono corsi ai ripari, proteggendo i cancelli delle loro ditte con pesanti e massicce catene. Nella speranza non vengano anch’esse depredate.