Il rame finisce sotto tiro

Dopo la cavalcata che aveva portato i prezzi a tre mesi del rame al record storico di 4.475 dollari per tonnellata, si fanno incessanti le prese di beneficio dei fondi che monetizzano i profitti. I prezzi del metallo hanno così proseguito la discesa iniziata mercoledì terminando a quota 4.326 dollari per tonnellata. Rimane in discesa anche il trend del petrolio con il future del Wti poco sopra i 60 dollari. Ribassi anche per l’oro (fixing a 506,25 dollari). In calo platino e argento.