Rame senza freni

La settimana si chiude con il rame al nuovo record storico. I prezzi a tre mesi hanno toccato 4.850 dollari per tonnellata. La nuova impennata è stata favorita dal calo delle scorte che, ormai, coprono circa 3 giorni dei consumi mondiali. Il boom delle quotazioni ha indotto persino a riaprire alcuni giacimenti australiani chiusi da circa 40 anni. Più stabile l’oro che ha segnato il fixing a 561,75 dollari l’oncia, ma sui mercati statunitensi i prezzi future hanno toccato il massimo dei 25 anni.