Il rame snobba gli scioperi

Dopo una partenza incoraggiante i prezzi a tre mesi del rame hanno lasciato sul terreno oltre un punto e mezzo percentuale chiudendo a 7.785 dollari. Il mercato ha, per ora, snobbato gli scioperi in corso in Cile nel più vasto giacimento del mondo. L’atteggiamento prudente dei rialzisti è stato determinato dall’attesa delle decisioni della Fed sui tassi di interesse. Bene il nickel tornato a valicare i 26mila dollari e quindi più vicino all’area di massimo storico. Oro stabile a 646 dollari l’oncia.