Ramuz e Stravinskij un'amicizia fra brindisi e note

È l'autunno del 1915 e nella piccola Treytorrens, in Svizzera, si incontrano lo scrittore Charles-Ferdinand Ramuz e il compositore Igor Stravinskij. Al tavolino di un caffè e davanti a un «mezzo litro di Dézaley» i due stringono amicizia. Ramuz inizia così a collaborare con Stravinskij nella traduzione di Renard per poi giungere, tre anni dopo, alla stesura del libretto dell'Histoire du soldat. In questo testo c'è tutta la cronaca del loro legame: il delicato racconto di Ramuz ci dona un inedito e dettagliato ritratto quotidiano del grande compositore russo.

Mattia Rossi