La Range Rover del quarantennale e le sue rivali a 5 stelle

È un settore per il quale non si prevedono periodi di crisi. Stiamo parlando di quello formato da Suv e crossover, ben sostenuto dalla crescente richiesta che proviene dal nord-America nonché dalla Russia, da alcune regioni dell'Asia e dal Medio-Oriente.
Un filone che provoca in tutti costruttori una vera e propria febbre dell'oro, perché genera grossi ricavi che in alcuni casi rimpiazzano - e alla grande - quelli che invece non provengono da altri settori.
Anche a Parigi, quindi, non mancano le novità. Regina, indiscussa, della rassegna è la nuova generazione della Range Rover. È la quarta della quarantennale storia di questo modello, che ha inaugurato il filone dei Suv di lusso.
Fra le molte novità che porta al debutto, la più rilevante è costituita sicuramente dalla monoscocca interamente in alluminio - la prima in assoluto del settore - più leggera del 39 per cento di quella d'acciaio montata dal modello precedente, che permette una notevole riduzione del peso totale del veicolo nonché significativi miglioramenti dell'agilità e delle prestazioni, unitamente a una diminuzione dei consumi e delle emissioni. In più in casa Land Rover s'affaccia anche l'aggiornamento della Freelander 2.
Altra novità di spicco da guardare con attenzione è la Mini Paceman, evoluzione a tre porte quasi coupé della Countryman: un crossover sfizioso e agile, disponibile con la trazione integrale All4 nelle versioni più potenti della famiglia.
Non desta meno interessa la nuova edizione della Hyundai Santa Fe, caratterizzata da un aspetto assai dinamico e offerta in una gamma in cui fanno la parte del leone i motori turbodiesel. Nella stessa categoria dimensionale si pone anche la Honda Cr-V, anch'essa pronta a debuttare sulle nostre strade nelle prossime settimane.
Dimensionalmente si lega a questi modelli anche la concept Audi Sq5 Tdi Exclusive, che però si colloca indubbiamente in un settore differente: quello super-Premium poiché è tirata in 50 esemplari, è super-allestita e super-vitaminizzata in quanto spinta da un turbodiesel da tre litri con 313 Cv.
La cavalleria è ancora più rilevante (382 elementi) nel caso della Porsche Cayenne S Diesel che monta un turbodiesel V8 di 4,2 litri. E sarà ancora più numerosa quella della versione definitiva della Lamborghini Urus, che arriverà nel 2015.
Intanto ci riportano alla realtà, sempre sugli stand della Fiera parigina, il Suv compatto Chevrolet Trax, gemello-diverso della Opel Mokka e della Buick Encore, e la Nissan TeRra Concept. Anticipa come potrebbe essere un futuro Suv del marchio, anche a propulsione elettrica.