Ranieri «Errori così non si devono fare»

Genova Gioia Genoa e morale a terra per i bianconeri. Al fischio finale, la parola passa subito ai vincitori, su tutti Thiago Motta, che ringrazia sua figlia «mi ha portato fortuna» e dedica la doppietta «a due ragazzi, due giovani che soffrono e che stanno curandosi da una brutta malattia» dice per poi aggiungere «dedico tutto alla gente del terremoto, alle persone che soffrono perché quella tragedia non è solo la tragedia degli italiani, anche noi soffriamo per l’Abruzzo”. Quindi torna a parlare solo di calcio: «Se mi diverto di più nel Genoa rispetto al Barcellona? Mi divertivo anche là, però qui gioco in un ruolo che mi è più consono... Se ho sentito il fischio in occasione del mio primo gol? Ma quale fischio? E poi, nel dopo partita, si può parlare di tante cose, anche del rigore su Del Piero che non c’era...». Dopo Motta ecco il tecnico Gasperini raccogliere gli onori dell’impresa: «Sono felice per la prestazione e dire che abbiamo rischiato persino di non vincere la partita... sarebbe stato un peccato. Io ci credevo, siamo cresciuti, la squadra ha personalità e aver giocato così contro la Juve ci autorizza a pensare di aver fatto davvero un salto di qualità... Thiago il centrocampista più forte? Certo, noi lo sappiamo da tempo...» quanto all’Europa «so che il Genoa dal Dopoguerra ci è arrivato una volta sola e se poi sarà addirittura la Champions meglio ancora». Tocca a Ranieri: «Tanti episodi sfortunati, poi eravamo riusciti a risalire, alla fine dovevamo rimanere calmi e non fare il fuorigioco e invece l’errore... Resta il fatto che il Genoa è stato migliore di noi... Il pareggio dell’Inter? Pesa tantissimo non aver colto questa occasione, volevamo accorciare, riprendere quei due punti, e adesso dovremo in casa giocare ancora più arrabbiati contro l’Inter e dovremo fare una grossissima partita».