Ranieri: «Gioca Milito»

«Ci sarà chi dovrà tirare il fiato e a chi non lo farò tirare. Sono considerazioni che farò tra questa sera e domani mattina ma non c'è alcun caso Milito, lui non è arrabbiato e domani gioca, è un professionista, sa che io lo apprezzo fin dalla Spagna

Claudio De Carli
nostro inviato ad Appiano Gentile
A Bergamo per fare punti, l'Inter vorrebbe sentirsi dire che non si ferma più: «Un gruppo di ragazzi eccezionali, li vedo come si allenano, vedo la voglia di risalire - dice Ranieri. Qui sono tutti professionisti perfetti, nessuno che arrivi in ritardo». Ma domani sera a Bergamo ci sarà qualche avvicendamento: «Ci sarà chi dovrà tirare il fiato e a chi non lo farò tirare. Sono considerazioni che farò tra questa sera e domani mattina ma non c'è alcun caso Milito, lui non è arrabbiato e domani gioca, è un professionista, sa che io lo apprezzo fin dalla Spagna». Due cenni sui prossimi rientri di Forlan e Ranocchia: «Forlan, non è convocato per l'Atalanta ma mi auguro che rientri al più presto perché è un campione che ho sempre apprezzato e mi manca. Ranocchia scalpita, vorrebbe rientrare, ma io sono uno che preferisce un giorno in più di riposo che perdere un giocatore per un mese per un rientro affrettato». L'Inter vuole salire in alto: «Sì, e vincere a Bergamo è il miglior modo per preparare la sfida con la Juventus». Ipotesi: è il momento di Zanetti in panchina