Rapallo, il consigliere che pota gli alberi, fa l’idraulico e si firma «Io, l’uomo del fare»

Fermate quell'uomo: è la «mission impossible» visto che Domenico Cianci, Mimmo per gli amici, è soprannominato «l'uomo del fare» come fa scrivere del resto sui comunicati del Comune. E non a caso, considerato che in consiglio comunale, a Rapallo, gli è stata fin da subito attribuita la delega per l'attuazione del programma. Per capire perché, basta andarlo a trovare nel suo studio da amministratore di condominio. «Certo signora, le mando oggi stesso l'idraulico», «Domani mattina veniamo a valutare il danno», «Gli alberi devono essere potati? Il giardiniere è già stato avvertito»: il telefono non fa in tempo a squillare con una nuova richiesta da parte dei tanti condomini amministrati da Cianci che il consigliere ha già pronta la soluzione. Non c'è da stupirsi, quindi, se da quattro legislature Cianci è il consigliere più votato di tutte le liste. Un efficientismo che ha indotto lo stesso sindaco, Mentore Campodonico (Pdl), a incaricare il recordman di preferenze dell'organizzazione delle celebrazioni del 450° anniversario della Madonna di Montallegro. Non solo: Demanio, Parchi e giardini oltre alla Manutenzione strade, sono passati dallo scorso gennaio sotto la responsabilità del consigliere «per aumentare l'efficienza della macchina comunale». Ma Cianci guarda soprattutto alle grandi opere che cambieranno nei prossimi anni il volto della cittadina del Tigullio. Dal completamento del polo ospedaliero di San Pietro ai due tunnel di collegamento con Santa Margherita e con la Valfontanabuona. «Opere importanti che necessitano di un coordinamento efficace con gli uffici della Regione», spiega il consigliere che potrebbe fare parte della squadra per la conquista di via Fieschi alle elezioni del prossimo anno. «Sono disponibile», non si tira indietro Cianci che ha iniziato la sua carriera politica sotto il simbolo dello scudo crociato ma che, ci tiene a sottolineare, ha sempre condiviso il progetto politico di Silvio Berlusconi («il mio presidente») e del coordinatore regionale Michele Scandroglio. «A partire dall'idea del partito del Popolo della Libertà che a Rapallo abbiamo già realizzato in anticipo sui tempi», spiega il consigliere che dopo solo tre mesi di attività ha presentato la lista dei lavoro eseguiti per l'arredo urbano di Rapallo. E poi ci sono i lavori programmati e che partiranno nei prossimi giorni perché Cianci una ne fa e cento ne pensa. «E poi le realizzo», ci tiene a rassicurare: l'uomo del fare.