Rapallo guarda i cartoon col cannocchiale

Sbarca in Liguria la tredicesima edizione di Cartoons on the Bay, il Festival Internazionale dell'Animazione Televisiva e Multimediale che dal 2 al 5 aprile fluttuerà tra Rapallo, Santa Margherita Ligure e Portofino.
Promosso da Rai e organizzato da Rai Trade in collaborazione con Rai Fiction e il contributo del Sistema Turistico Locale Terre di Portofino, porta in Italia dopo trent'anni Yoshiyuki Tomino, papà di «Gundam», arruola il maestro Enzo D'Alò, autore del record d'incassi «La Gabbianella e il Gatto», annuncia anteprime ed incontri esclusivi con autori, registi, produttori e responsabili televisivi italiani e stranieri, affiancati da happening a moltiplicarlo.
Quarantaquattro opere da sedici nazioni: ieri la presentazione a Rapallo che in Piazza IV Novembre allestirà il Cartoons Village, «a forma di cannocchiale per guardare lontano» commenta il nuovo direttore artistico Roberto Genovesi. Festival da colpo di reni in direzione multimedialità: «Questa la grande novità di una kermesse che apre al progetto crossmediale e all'animazione interattiva - spiega Genovesi - e mi riferisco a quei video giochi che sviluppano il rapporto con l'animazione». Anno della svolta per un Festival che raccoglie la candidatura del Tigullio confermandola per un triennio: «Credo che Cartoons on the Bay - sottolinea il sindaco Mentore Campodonico - sia l'occasione migliore per presentare il nostro territorio. Da giovedì a domenica per conoscere la giuria, le opere e una nuova serie d'animazione».
La chicca? «Un videogioco su Diabolik realizzato da un'azienda ligure». Poi la «Giornata Rosa» dedicata a canali, trasmissioni e cartoni animati rivolti a bambine e preadolescenti. Naturalmente spazio agli appassionati: «Ci sarà l'assemblea nazionale dei Gundam Fan Club, proprio nel trentunesimo anno dalla nascita del robot antropomorfo della saga cult. Verranno presentate Gundam story mai viste. Tutto il Giappone ci guarderà». Fino al galà serale con premiazione all'Auditorium della Clarisse. Non a caso nella Rapallo della tradizione fumettistica di Carlo Chendi, storico sceneggiatore Disney, che da un paio d'anni ha creato Rapalloonia, «sull'onda della Cartoonia di Roger Rabbit». Con Ivo Milazzo, papà di Ken Parker, a ribadire l'orgoglio d'artista che vuole riconosciuti i suoi diritti. Soddisfatto Arnaldo Monteverde, presidente Stl, che insiste sulla destagionalizzazione e pensa al consolidamento dei Festival. Con l'assessore regionale Margherita Bozzano a zoomare sul moltiplicatore straordinario rappresentato da Cartoons on the Bay, quel mondo fluido, dilatato e trasversale che Carlo Nardello, a.d. di Rai Trade, mette in scena a Rapallo, «pronta a cogliere il momento del cambiamento cui stavamo guardando - sottolinea l'a.d. - Dalle tavole al video gioco: un linguaggio senza età. Un esempio l'opera presentata da Cuba che verrà premiata con il Pulcinella Award alla presenza di invitati del calibro di Juan Padron, Luis A. Gonzales Nieto ed Esther Hirzel Galarza».
Tra gli oltre 400 programmi arrivati da 45 Paesi, quasi il doppio della precedente edizione, 200 i selezionati: «Un record a garantire poliedricità di immagini e tematiche. Anche sociali». Non a caso il coinvolgimento di Unicef nel ventesimo anniversario della celebrazioni dei diritti dell'infanzia. Nove le categorie del concorso, ben rappresentata l'Italia con 8 candidature.
Accesso libero al Cartoons Village; a latere le mostre al Castello dedicate a fumetto e animazione, con approfondimenti e seminari per gli operatori del settore a Villa Durazzo.
Il programma dettagliato a giorni su www.cartoonsonthebay.com.