«A Rapallo come nel Bronx la gente ha paura di uscire»

Signor Sindaco, Mentore Campodonico, con la presente sono a segnalarLe il mio sconcerto, il mio disappunto, il mio non capire in merito alla problematica di delinquenza che viviamo oggi nella nostra città di Rapallo.
Guardandomi attorno e riferendomi agli ultimi eventi che ci hanno toccato potrei dire che manca solo il fatto dello stupro a Rapallo. Abbiamo avuto di tutto e continuiamo ad avere, dalle rapine alle risse serali agli atti vandalici.
Ma dove è finita la Rapallo perla del Tigullio? Mi sembra che siamo diventati il Bronx... Una cittadina come la nostra che dovrebbe vivere di turismo su che cosa vive?
Turisti stranieri? Sì ci sono peccato che sono solo albanesi, romeni, ecuadoriani, e zingari per non parlare dei venditori ambulanti che alloggiano nella nostra bellissima passeggiata.
Tutto questo è Rapallo. Tutto ciò è diventata.
Noi cittadini che per colpa di questa gente, di queste amministrazioni permissive, non possiamo uscire di sera, dobbiamo avere paura ad uscire anche di giorno perché la nostra città è abitata da gentaglia.
Mi domando, quand’è che aprirete gli occhi dinnanzi a queste cose?
Cosa state facendo o farete per i veri cittadini di Rapallo, quelli onesti?
Signor Sindaco abbiamo paura a Rapallo. Basta polemiche inutili in Consiglio Comunale degne del miglior «Scherzi a Parte». Siamo stufi e abbiamo paura.
Vogliamo la sicurezza, non chiediamo ne tunnel ne la luna.
È chiedere troppo l’incolumità dei cittadini di Rapallo? Spero di no, e spero vivamente che qualcosa possa cambiare altrimenti il futuro che ci aspetta sarà tutt’altro che roseo.
Grazie per l’attenzione prestatami. Distinti saluti.