Rapina in casa: aggredita Nadine Gordimer

da Johannesburg

La scrittrice sudafricana Nadine Gordimer è stata aggredita nella sua casa di Johannesburg da dei rapinatori, che l’hanno chiusa in una stanza e le hanno portato via gioielli e soldi. L’episodio è avvenuto giovedì, ma è stato reso noto ieri dalla polizia sudafricana.
Nadine Gordimer, 83 anni, premio Nobel per la letteratura nel 1991, è stata assalita nella sua casa di Parktown: «È stata ferita in modo leggero e non soffre di nessuna ferita grave», ha spiegato un portavoce della polizia. Tre uomini si sono introdotti nella sua residenza e hanno minacciato lei e la sua collaboratrice domestica. I tre malviventi sono entrati in casa dalla porta sul retro, in cucina. Dopo aver già consegnato ai ladri gioielli e denaro, la scrittrice si è rifiutata di cedere anche la sua fede nuziale. È stato a quel punto che i banditi l’hanno aggredita. La scrittrice è poi stata rinchiusa in una stanza con la sua domestica, di 66 anni. Le due donne sono state liberate un’ora più tardi, grazie all’intervento di alcune guardie. La scrittrice ha confermato l’episodio, ma non ha voluto fornire dettagli. «Sfortunatamente è vero, ma non voglio parlarne» si è limitata a raccontare, aggiungendo, comunque, di stare bene.