Rapina in gioielleria, titolare imbavagliata

Legata e picchiata la giovane dipendente

Rapina in gioielleria, in via Cherubini, ieri in pieno giorno. I quattro rapinatori sono riusciti a portarsi via preziosi per un valore di 77mila euro dopo aver legato e imbavagliato la titolare del negozio e la giovane dipendente. Sono quindi fuggiti e l’allarme è scattato poco dopo, quando le donne sono riuscite a liberarsi.
Ieri, nel primo pomeriggio, la titolare del negozio «Antichità» apre la porta ad uno dei malviventi, credendolo un cliente. L’uomo infatti, spacciatosi per un acquirente, aveva preso un appuntamento telefonico nei giorni scorsi.
Dall’interno della gioielleria il rapinatore è riuscito a far entrare i tre complici, uno dei quali armato di pistola. La titolare e la giovane aiutante peruviana vengono immobilizzate e imbavagliate, quest’ultima anche presa a calci nello stomaco per aver opposto resistenza.
I malviventi hanno infranto una vetrina interna dov'erano esposti i gioielli e saccheggiato i preziosi per un valore complessivo di 77mila euro. Poi sono fuggiti lasciando le due donne immobilizzate. A chiamare la polizia è stata la titolare del negozio verso le 16.30 quando è riuscita a liberarsi.