Rapina, tre «bulle» accoltellano una donna

Facce d’angelo, ma cuore di pietra. Tre ragazzine fra i 16 e i 17 anni, tutte italiane e incensurate, non si sono fatte scrupoli nell’aggredire, rapinare e ferire con un taglierino una giovane mamma di 28 anni. È successo nel piazzale di Porta Ludovica l’altro ieri, nel tardo pomeriggio. Quando la donna è stata avvicinata dalle tre minorenni, ha pensato fosse uno scherzo innocente di tre adolescenti per bene, normali, come tante altre. Impressione sbagliata. La baby gang in rosa l’ha colpita al braccio con un fendente e poi le ha sottratto il portafogli e il cellulare. Per fortuna una pattuglia dei vigili urbani è riuscita a intercettare le rapinatrici poco dopo. Inutile il tentativo di liberarsi dell’arma. Gli agenti le hanno bloccate, quindi è scattata la denuncia in stato di libertà. Il vicesindaco Riccardo De Corato si è detto preoccupato dal fenomeno «bullismo»: «Credevamo che la violenza del branco fosse prerogativa dei maschi. Ma sbagliavamo».