Rapinarono negozio di cinesi: 2 finanzieri rinviati a giudizio

Due ex finanzieri sono stati rinviati a giudizio dal gup del Tribunale di Roma, Enrico Imprudente, con le accuse di tentata concussione e rapina. I due, destituiti dal servizio alcuni mesi fa per altri procedimenti penali, furono arrestati il 19 febbraio scorso a Torre Annunziata (Napoli), dalla squadra mobile romana perché ritenuti responsabili di una tentata rapina e del ferimento di un ispettore di polizia, avvenuti il 5 gennaio del 2004 a piazza Vittorio. L’inchiesta, affidata al pm Giuseppe Corasaniti, si riferisce a un episodio accaduto lo scorso anno a piazza Vittorio dove, in un negozio di proprietà cinese, ci fu un tentativo di rapina fallito per la reazione dei proprietari. I due rapinatori, che erano i due ex finanzieri allora in servizio in due strutture del litorale romano, spararono mentre erano in fuga e ferirono un ispettore di polizia. L’arresto dei 2 ex militari avvenne a Torre Annunziata. L’indagine della mobile si è avvalsa anche di attività tecniche del Servizio della Polizia Scientifica che analizzò milioni di dati relativi a tracciati telefonici fino ad arrivare ai numeri dei due cellulari presenti quelli sera a Piazza Vittorio. Due numeri che hanno portato, l’estate scorsa, a individuare proprio i due finanzieri P.G. di 29 anni e S.M. di 31, in servizio a Casalpalocco e Ostia.