Rapinatori identificati per l’accento genovese

L’accento genovese e l’acquisto in contanti di un’auto due giorni prima di una rapina in banca. Partendo da questi elementi i carabinieri del nucleo operativo del comando provinciale hanno identificato gli autori del colpo e tre loro amici che compivano furti per comprarsi la droga. Salvatore Porrovecchio e Ivan Puppo, 28 e 36 anni, abitanti a Genova, sono ritenuti gli autori della rapina del 7 maggio scorso nell’agenzia D della Cassa di Risparmio di Alessandria. Su ordinanza di custodia del gip, sono poi stati arrestati per concorso in furto aggravato Ivan Vallone, Mario Guglielmoni e Richard Fiorentini, tutti abitanti a Genova. Le indagini partite da un particolare fornito da un dipendente della banca rapinata (lo spiccato accento genovese dei due uomini che, armati di pistola e camuffati con occhiali e barba finta, si erano fatti consegnare 40 mila euro) si sono concentrate su un gruppo di giovani che frequentava il quartiere Cep di Voltri. Due giorni dopo Porrovecchio si era presentato a un concessionario d’auto di Genova acquistando una Golf cabrio usata, pagandola in contanti e facendola intestare a un’amica. Dalle indagini è emerso che l’uomo e Puppo avevano frequenti contatti con alcuni amici per compiere furti per comprarsi la cocaina.