Rapinava farmacie vicino casa Fermato il ladro di Castelletto

Volto nascosto sotto occhiali da sole a goccia, un casco da motociclista aperto sul davanti ed una sciarpa a coprire il viso dal naso fino al collo. Agiva così nelle farmacie del centro di Genova e soprattutto nel quartiere di Castelletto, dove aveva fatto diverso razzie negli ultimi mesi, Alessandro Trinchero quarantacinquenne genovese residente nella zona dove colpiva.
Trinchero è stato fermato dalla squadra Mobile della Questura di Genova che nelle ultime settimane aveva passato al setaccio tutte le scene registrate dalle telecamere interne alle farmacie. Faceva irruzione nei locali e sotto la minaccia di una pistola semiautomatica di grosse dimensioni, faceva razzia dell’incasso giornaliero per poi dileguarsi per le vie della città in sella ad uno scooter. Le indagini hanno accertato che molte delle rapine avvenute negli ultimi mesi tra Castelletto e il centro storico erano compiute dalla stessa persona, così gli uomini della squadra Mobile hanno chiuso il cerchio degli indiziati tra un numero limitato di pregiudicati tutti gravitanti nel mondo della tossicodipendenza. A far scattare le manette per Alessandro Trinchero è stato il suo ultimo colpo: la rapina compiuta nella tarda serata di giovedì della scorsa settimana alla farmacia «Giusti» in via Assarotti dove l’uomo era riuscito a portare via un incasso di milletrecento euro. Riconosciuto dai fotogrammi dei filmati interni per lui è partito l’arresto.
Nell’abitazione del malvivente, arrestato nella mattinata di lunedì, gli agenti hanno ritrovato l’arma con la quale minacciava i farmacisti per farsi consegnare il bottino e altro materiale che sarebbe servito all’uomo per portare a buon fine i colpi nelle farmacie. Allo stato delle indagini al quarantacinquenne vengono contestate almeno altre due rapine oltre a quella di via Giusti, la prima del 2 febbraio alla farmacia «Santa Maria» di via Venezia 26 e la seconda del 6 febbraio presso la farmacia «Baudoin» di corso Armellini. Non solo, secondo la Questura il 24 marzo scorso, l’uomo sarebbe ritornato alla farmacia «Santa Maria» per rapinarla nuovamente ma, il commerciante avrebbe bloccato le porte d’ingresso facendolo desistere.