Rapinavano i coetanei: fermati 3 rom minorenni

Tre nomadi, due fratelli di 16 e 15 anni e un amico di 13, brandendo un coltello o mostrando il calcio di una pistola infilata alla vita, minacciavano coetanei italiani e poi li rapinavano di orologi, telefoni cellulari e altri oggetti come cappellini da baseball griffati. I due fratelli, residenti nel campo nomadi Casilino 900, sono stati sottoposti a fermo di polizia giudiziaria mentre il tredicenne, che vive nel capo di via Salviati, è stato denunciato. Le rapine avvenivano in aree frequentate dai giovani comprese tra Centocelle e Tor Pignattara.