Rapine in stazione, due in cella

Due marocchini sono stati arrestati dalla Polfer di Genova per una violenta rapina, la notte dello scorso 7 maggio, ad un senzatetto di Pavia che dormiva nell’ atrio della stazione ferroviaria di Genova Principe, e che è stata filmata dalle telecamere a circuito chiuso della stazione. In altre operazioni la Polfer ha arrestato un nordafricano che in stazione aveva rubato il telefono cellulare a un passeggero e ne ha denunciato un quarto.
I due marocchini arrestati per l’aggressione sono Mohamad Belquiat, 31 anni, e Said Kouchibelli, 42. Dopo aver importunato numerosi viaggiatori di passaggio in stazione, ha riferito ieri la Polfer, i due hanno svegliato il senzatetto di 68 anni e lo hanno afferrato per il collo intimandogli di consegnare il denaro che possedeva. L’uomo ha reagito, ne è nata una colluttazione e i due marocchini lo hanno colpito con un ombrello e minacciato con un coccio di bottiglia riuscendo a sottrargli il portafoglio contenete 200 euro, frutto della pensione sociale del quale vive l’uomo.
La fuga dei due malviventi è durata solo pochi istanti perchè agenti della Polfer in borghese che presidiavano la stazione ferroviaria, li hanno inseguiti e bloccati. Gli agenti, coordinati dal dirigente Salvatore Genova, indagano per accertare se i due marocchini facciano parte di una banda specializzata in rapine e spaccio di droga.
L’altra operazione riguarda un episodio avvenuto circa 20 giorni prima, quando gli agenti della Polfer hanno bloccato ed arrestato un nordafricano che fuggiva dalla stazione di Principe inseguito da un sudamericano. In mano aveva un telefono cellulare appena rubato al sudamericano ed in tasca un altro cellulare risultato rubato e 20 grammi di hashish. Nelle memorie dei telefoni sequestrati, che saranno a breve riconsegnati ai legittimi proprietari, i nordafricani si erano immortalati mentre compivano atti di vandalismo in giro per la città.