Rappresentanti di lista contro i brogli

Caro Direttore, vorrei fare un appello: le elezioni sono ormai alle porte, constatando il clima di odio e violenza che gli alleati di Prodi stanno scatenando contro i moderati e pacifici elettori del centro-destra, che si ripercuote anche nei quartieri «rossi» per antonomasia, come, per esempio, dove vivo io, in Valpolcevera. Tutto questo porta l’elettorato di questa circoscrizione, non omologato alla «Compagnia bulgara», ad una condizione di disagio e a volte di paura. Prova, caro direttore, ad esprimere le tue idee a Rivarolo, a Certosa, a Bolzaneto... Te ne accorgerai... offese, minacce e soprattutto militanti comunisti pronti a pressarti in una sorta di «mobbing politico» inimmaginabile! Giungo al dunque, qui nessuno vuol fare il rappresentante di lista pur essendo convinti dell’importanza che questo ruolo ricopre, perché difende il voto dei cittadini da brogli che da queste parti sono all’ordine di ogni competizione elettorale. Per questo vorrei lanciare un appello, attraverso «il Giornale» promuoviamo la copertura dei seggi con i rappresentanti di lista. Io un’idea ce l’ho e importante. Luciano Borneto