Raspelli lascia i fornelli e va a caccia di ladruncoli

Da stasera «Attenti al lupo» dedicato alla sicurezza

da Milano

«Forse mi hanno scelto per le mia rotondità rassicurante». Edoardo Raspelli, l’esperto di culinaria di Rete 4 e conduttore di Melaverde, è uno abituato a sdrammatizzare. E spiega così la scelta del direttore di rete Giuseppe Feyles di affidargli un programma ben lontano dai cibi prelibati (senza lasciare il suo compito principale). La trasmissione è dedicata alla sicurezza, a come difendersi da criminalità, scippi, furti, rapine, il tutto mischiato con il ricordo di noti episodi di cronaca nera e di famosi malviventi come l’attentato a Maurizio Costanzo e la vita avventurosa di Renato Vallanzasca. La trasmissione, in onda da questa sera su Rete 4 per quattro puntate in prima serata, si intitola Attenti al lupo e non si pone, appunto, l’obiettivo di generare ancora più apprensiore di quella che già c’è tra le persone, «ma - spiega Raspelli - di fornire loro delle informazione, anche delle piccole attenzioni che possono scongiurare grandi pericoli». Realizzato in collaborazione con le forze dell’ordine, spiega per esempio, come «non lasciare le chiavi di casa nella serratura una volta entrati, perché per i ladri è facile gioco aprire la porta». Accanto alle brutte esperienze della gente comune, saranno raccontati anche alcuni episodi accaduti a Vip, come il furto della macchina subìto da Vittorio Sgarbi mentre era in cerca di un albergo dove passare la serata con una fanciulla. Ospite della prima puntata Rita Dalla Chiesa. Raspelli non è alla sua prima esperienza con la cronaca nera. Per dieci anni, prima di diventare critico gastronomico, durante i caldi anni di Piombo, redattore al Corriere di Informazione, si è occupato dei più sanguinosi attentati, rapimenti, omicidi. Così non è stato difficile per lui tornare a fare interviste, per esempio, a capi della banda della Magliana. «È un programma di servizio - chiosa il direttore Feyles - che possiamo permetterci di mandare in onda in prima serata senza assillo di audience anche perché chiudiamo una stagione buona per Retequattro in cui abbiamo raggiunto e superato i nostri obiettivi di ascolto». Per la sua rete, nelle prossime settimane, il direttore annuncia nuovi prodotti: una serie su Robin Hood, una d’azione tedesca, che si chiamerà Squadra speciale, il ritorno di Maigret e Hitchcock, un nuovo appuntamento con la storia del ’900 curato da Vittorio Emanuele Parsi.