A Ravello Luis Bacalov e Pétit

da Ravello

Prenderà il via il 30 giugno e si concluderà il 17 settembre, il Ravello Festival, ottanta giorni di programmazione, centosette eventi. Tema di questa edizione, «il Gioco», una sorta di wagneriano leitmotiv che accompagnerà l'intenso calendario di rappresentazioni artistiche. Scenari del Ravello Festival, Villa Rufolo, soprattutto ma, anche Villa Cimbrione, le piazze, le chiese e i giardini della perla della costiera amalfitana. Musica, danza, cinema, mostre, conferenze e incontri rappresenteranno per il pubblico l'affascinante itinerario guidato dal Gioco.
Otto sezioni: sinfonica, tendenze, cameristica, passeggiate musicali, cinemusic, arti visive, formazione ed eventi musicali. Tra gli ospiti, il premio Oscar (per Il postino), Luis Bacalov, che si esibirà come direttore e pianista al fianco della Mozart Sinfonietta. Sarà a Ravello anche il coreografo Roland Petit: con una compagnia di étoiles di prima grandezza, rileggerà in forma del tutto nuova, lo spettacolo Le jeu de l'amour et du hasard. Poi, Achille Bonito Oliva, con esposizione di opere, tra le altre, di Piero Manzoni e Alighiero Boetti.