Razionalizzare l’impresa è l’obiettivo da perseguire

Una recente indagine della School of Management del Politecnico di Milano ha messo in evidenza come, negli anni, almeno un imprenditore su due sia consapevole dell’impatto che l’uso della tecnologia ha nei risultati aziendali. Sempre più frequentemente, infatti, le aziende utilizzano in modo evoluto ed efficiente sia l’infrastruttura tecnologica sia le applicazioni software. Aziende all’avanguardia, che vogliono sfruttare al massimo le potenzialità dei loro software, sono alla ricerca di soluzioni che permettano di migliorare l’organizzazione aziendale e di massimizzare i risultati economici: il gestionale inteso come il software amministrativo contabile dell’azienda è ormai una presenza scontata nel pacchetto di applicativi aziendali. Imprenditori e responsabili d’azienda prestano molta attenzione alle aree di Business Intelligence e analisi dell’affidabilità dei propri clienti e fornitori, gestione delle trattative commerciali, rilevazione e gestione delle presenze, gestione delle attività di marketing e ricerca di sistemi di comunicazione completamente integrati con il gestionale e ancora, gestione dei servizi post vendita come l’assistenza e il recupero crediti. E in questi ambiti si è concentrato il lavoro di Artel, la software house per le Pmi del gruppo Wolters Kluwer Italia.
Ecco due esempi di aziende clienti di Artel che hanno implementato due soluzioni rivolte, in un caso, al monitoraggio delle attività commerciali e di marketing e nel secondo alla rilevazione delle presenze del personale: «Player» e «To Check». La prima è De Castelli specializzata nella creazione di complementi di arredo anche di dimensioni importanti indoor e outdoor, in ferro, in Cor-Ten e in acciaio inox, combinando l'artigianalità con l'innovazione apportata dalle tecnologie più attuali. La soluzione è Player. Spiega Albino Celato, il titolare: «Volevamo uno strumento aziendale, unico, pratico, interattivo, che ci permettesse di monitorare la clientela e i potenziali clienti (prospect), dal punto di vista commerciale e di marketing. Inoltre desideravamo avere la possibilità di analizzare delle statistiche di acquisizione di clientela, soprattutto a fronte di fiere ed eventi, che comportano per l'azienda forti investimenti. Il vantaggio maggiore consiste nella possibilità di avere un unico strumento, disponibile per il personale amministrativo e commerciale, con la possibilità di essere aggiornati tutti in tempo reale. Si crea quindi in “automatico” lo storico per ogni contatto e/o cliente, con la possibilità di monitorarlo ed eventualmente sollecitarlo. Per noi, inoltre, è molto importante lavorare con i “progetti”, con i quali riusciamo a salvaguardare i lavori segnalati dai nostri clienti, garantendo massima riservatezza e correttezza commerciale. L’automatismo con il gestionale, la possibilità di lavorare con dei promemoria collegati ai clienti/contatti, le statistiche disponibili, la possibilità di personalizzazione del programma: tutti questi sono servizi ora sono automatizzati, cosa che prima non era possibile con un semplice database in Excel».
L’altra azienda è il gruppo Socomec, un costruttore indipendente specializzato nella distribuzione, il controllo e la qualità dell’alimentazione delle reti di energia a bassa tensione, dell’industria e del settore terziario. Dice Sara Trentin, responsabile delle risorse umane di Sicon, che appartiene al gruppo Socomec, divisione Ups (sistemi di alimentazione di continuità): «L’implementazione del software “To Check” è avvenuta nel 2006. I vantaggi che abbiamo ottenuto vanno dall’aggiornamento on line alla possibilità di lavorare da ogni luogo grazie alla fruibilità via web; dall’assistenza telefonica all’apertura del programma verso il personale, che ha la possibilità di vedere il proprio cartellino e, quindi, le timbrature, ma anche una schermata che riassume le giornate di ferie e permessi effettuati e simula il residuo alla fine dell’anno. In questo modo si evitano le stampe dei cartellini mensili che prima venivano allegati alla busta paga, l’invio dei report ai responsabili con gli storici delle ferie effettuate dal relativo reparto. Il responsabile può inoltre controllare presenze e orari di timbratura dei collaboratori, approvare o respingere le richieste di permesso: quelle approvate “scrivono” direttamente nel programma evitando all’operatore l’inserimento del permesso necessario per la chiusura del cartellino a fine mese. È inoltre possibile effettuare statistiche con i dati gestiti dal sistema».