Razzi anche su Nazareth, uccisi due bimbi

Gli aerei israeliani sono tornati a bombardare Beirut. Tre ore di martellamento su aeroporto e strade, mentre le truppe di terra dello Tsahal penetrano in territorio libanese. È l'ottavo giorno di guerra in Libano, Galilea e territori palestinesi, la giornata più sanguinosa con oltre 70 morti libanesi. Gli hezbollah hanno centrato invece, provocando tre vittime, il cuore storico di Nazareth, in Galilea, le strade che si intrecciano attorno alla Basilica dell'Annunciazione, dove vivono soprattutto arabo-israeliani, di religione musulmana o cristiana.