Rcs, aumento del capitale sottoscritto al 92,7%

L’aumento di capitale risulterà sottoscritto per un controvalore totale di 409,9 milioni di euro

È stato sottoscritto al 92,73% delle azioni ordinarie l’aumento di capitale Rcs, come ha annunciato lo stesso gruppo editoriale.

Il consorzio di garanzia dell’aumento di capitale di Rcs sottoscriverà quindi 14.731.359 azioni ordinarie del gruppo, per un controvalore complessivo pari ad 18,19 milioni di euro. Le banche del consorzio sono Banca Imi, Bnp Paribas, Banca Akros, Banca Aletti, Commerzbank, Mediobanca, Ubi Banca e Credit Suisse.

In particolare, all’esito dell’offerta in Borsa, sono state sottoscritte 25.193.460 azioni ordinarie pari al 7,78% delle azioni ordinarie di nuova emissione e tutte le residue 3.446.331 azioni di risparmio pari al 4,43% delle azioni di risparmio di Categoria B di nuova emissione, per un controvalore complessivo di 32,03 milioni. Tenuto conto delle azioni già sottoscritte in sede di offerta in opzione, risultano complessivamente sottoscritte 300.281.817 azioni ordinarie pari al 92,73% delle azioni ordinarie di nuova emissione e tutte le 77.878.422 azioni di risparmio di Categoria B di nuova emissione, per un controvalore complessivo pari a 391.719.461 euro. A seguito della sottoscrizione da parte delle banche del consorzio di garanzia, per un impegno di 18,1 milioni di euro, l’aumento di capitale risulterà sottoscritto per un controvalore totale di 409,9 milioni di euro.