Rcs, incontro dei grandi soci a casa Tronchetti. Slitta il patto di sindacato

Giornata di incontri impegnativi ieri a Milano per il presidente di Mediobanca, Cesare Geronzi. Il primo appuntamento è stato con il ministro dell’Economia, Giulio Tremonti. Il banchiere di Piazzetta Cuccia, riferiscono fonti finanziarie, si è recato nel primo pomeriggio di ieri nello studio milanese del ministro.
La giornata è proseguita per Geronzi con un incontro ristretto dei grandi soci di Rcs. Ancora non è stato raggiunto un accordo per la definizione del vertice del «Corriere della sera». I soci hanno così deciso di mantenere mercoledì la riunione del cda sui conti 2008. È stato invece rimandato alla settimana dopo l’incontro del patto di sindacato a cui è demandata la scelta del direttore del quotidiano di via Solferino. A casa di Tronchetti Provera si sono riuniti ieri, oltre a Geronzi, Luca Cordero di Montezemolo, numero uno di Fiat, Giovanni Bazoli, presidente del consiglio di sorveglianza di Intesa Sanpaolo e Massimo Pini, rappresentante nel patto per il gruppo Ligresti. L’incontro informale si è concluso dopo un’ora, senza nessuna dichiarazione ufficiale, ma in serata sono continuati contatti e telefonate. Da quanto si apprende da fonti vicine al patto, i grandi soci hanno fatto il punto in un momento difficile, in generale, per il settore dell’editoria, alla vigilia del cda del gruppo e in vista dell’assemblea degli azionisti di aprile che, tra l’altro, avrà anche all’ordine del giorno il rinnovo del consiglio di amministrazione per naturale scadenza dei termini. Evidentemente, al centro dei colloqui anche gli assetti di vertice del «Corriere della sera». Per il momento ci sono due strade percorribili. Individuare un sostituto di Paolo Mieli oppure inserire un nuovo team di direzione da affiancargli.