Rcs a un passo dalla conquista di Recoletos

Il cda del gruppo esamina il dossier sull’acquisizione della casa editrice spagnola di «Marca» e di «Expansion»

da Milano

Rcs è vicina all’acquisizione più importante della sua storia recente. Il cda del gruppo guidato da Antonello Perricone si riunisce oggi per esaminare l’acquisizione del gruppo editoriale spagnolo Recoletos. E da quanto si è appreso da fonti finanziarie che potrebbe essere la giornata decisiva.
L'operazione piace molto agli analisti che seguono il gruppo perché farebbe di Rcs un gigante sul mercato spagnolo, dove controlla già Unedisa, che pubblica tra l'altro El Mundo, uno dei due quotidiani leader del Paese. Recoletos edita invece il quotidiano sportivo Marca (pari alla nostra Gazzetta dello Sport, da 330mila copie al dì) il finanziario Expansion e controlla il 25,5% della tv digitale Veo Tv, di cui proprio Rcs detiene una quota analoga.
Secondo gli analisti il gruppo iberico vale tra i 950 milioni e 1,2 miliardi e Rcs potrebbe finanziare l'operazione quasi integralmente per cassa, visto che la posizione finanziaria netta è prossima allo zero e il gruppo dispone di circa 700 milioni di linee di credito. Il punto però potrebbe essere proprio il prezzo richiesto dai fondi di private equity che controllano il capitale. Il gruppo iberico, in precedenza controllato da Pearson e quotato fino all'inizio del 2005, è stato acquistato e delistato da Retos Cartera, un consorzio di fondi di private equity e di manager sulla base di una valutazione di 936 milioni. Nel 2005 però l'Ebitda del gruppo era di 44 milioni di euro, rispetto ai 70 milioni attesi per il 2006. Di certo, secondo le fonti di mercato, una fusione fra Unedisa e Recoletos, darebbe vita a un gruppo completamente integrato, presente in tutti i settori editoriali con significative sinergie sia sui costi, sia sui ricavi.
L'appuntamento del cda è anche per esaminare il bilancio consuntivo consolidato del 2006, che verrà approvato il 15 marzo.