Il re dello scat, talento da esportazione

Funk e jazz stasera al The Place. Arriva Gegè Telesforo, virtuoso dello «scat», la tecnica vocale che permette di ricreare le sonorità di vari strumenti con il solo uso della bocca. Telesforo è maestro della sovrincisione in diretta: registra una voce (o un suono, se preferite), lo manda in «loop» e ce ne registra sopra un altro, creando pian piano una vera è propria band ricca di bassi, percussioni e fiati. Con Telesforo saranno sul palco gli ottimi Groovinators: Alfonso Deidda al pianoforte e al sax, Fabio Zeppetella alla chitarra, Max Bottini al basso, Marcello Surace alla batteria e Mia Cooper alla voce. Il disco più recente Love and other contradictions presenta un repertorio rinnovato, fatto di composizioni originali, con arrangiamenti scarni che mettono in risalto le grandi qualità di una band che suona con passione; inoltre, tre nuovi arrangiamenti di Rule of Thumb di John Scofield (in versione jazz-bossa), Here but I’m gone di Curtis Mayfield e Air mail special, classico di Benny Goodman. Un album che riassume il lavoro svolto negli ultimi anni alla ricerca del groove, con le contaminazioni e gli stimoli sonori che da sempre caratterizzano il sound del vocalist italiano, storico collaboratore di Arbore. Telesforo si è affermato anche all’estero, duettando con Jon Hendricks, Dizzy Gillespie, DeeDee Bridgewater.