«Re Giorgio» apre un albergo con beauty farm e 90 mini-suite

da Londra
Dopo aver sparato a zero sul degrado di Milano da Londra che è più bella che mai anche se invasa dai topi, Armani smorza i toni e annuncia un nuovo progetto per la nostra città. «In primavera cominceranno i lavori per l’albergo di via Manzoni: 90 stanze di minimo 55 metri quadrati l’una, praticamente delle mini-suite», spiega aggiungendo che sul bellissimo edificio del 1949 dove sorge il suo celeberrimo megastore verrà ricavata una grande terrazza panoramica con tanto di bar, ristorante e centro benessere. «Rinnoveremo anche il negozio», conclude lo stilista imprenditore che rimprovera agli architetti una certa rigidità nel progettare gli spazi della vendita e le vetrine. «Ecco perché mi tocca seguire i progetti personalmente - sostiene -, non è compito mio decidere se un muro può essere abbattuto oppure no, ma certo capisco meglio di loro come esporre la merce e far scattare la voglia di far shopping nella gente». Inevitabile a questo punto chiedergli come mai s’imbarca in un’impresa tanto costosa visto che per primo giudica Milano nel peggior modo possibile. «Questo non è vero - sostiene -, ho solo detto che mi sembra un po’ una parrocchietta, senza il respiro internazionale che dovrebbe avere. La moda è importante, ma da sola non basta: bisogna che tutti si rimbocchino seriamente le maniche per migliorare la città. Infatti penso che la Moratti vada sostenuta: sta mettendo il naso dappertutto e non si concede un attimo di tregua. Ho saputo che è arrivata per prima a consolare i superstiti della palazzina crollata in via Lomellina. Brava Letizia, così si fa».
La stampa inglese presente all’appassionata esternazione dello stilista imprenditore chiedeva intanto quando sarà pronto l’albergo Armani. «Se tutto va bene entro il 2008 - dice lui -, un anno che si preannuncia denso di eventi importanti per la mia azienda. Infatti verrà inaugurato anche il palazzo Armani di Ginza, in Giappone: un edificio di 12 piani progettato da Fuksas con tanto di Spa realizzata in collaborazione con L’Oréal».