Ma Reagan mantiene il primato dell’audience

L’Inauguration Day di Barack Obama è stato seguito in Tv martedì scorso in America da 37,8 milioni di persone: un risultato che non basta al nuovo presidente per battere il record dei 41,8 milioni di telespettatori per il giuramento di Ronald Reagan nel 1981. Ma le cifre, rese note dalla società di rilevamento Nielsen Media Research, non tengono conto del numero - ritenuto consistente - di coloro che hanno seguito l’evento “live“ su Internet, una possibilità che non esisteva all’epoca dell’ inizio della presidenza Reagan. Stavolta inoltre, assai più che in passato, l’evento è stato seguito in tutti gli Usa da gruppi riuniti in locali pubblici o luoghi all’aperto, che sfuggono alle rilevazioni mirate solo agli apparecchi Tv domestici.
Reagan si conferma comunque il più forte “avversario“ di Obama in termini di popolarità presidenziale negli ultimi decenni. Il nuovo presidente ha invece battuto senza grande difficoltà i numeri del predecessore George W. Bush, che dagli anni 70 ad oggi è stato, con 15,5 milioni di telespettatori, il presidente meno ascoltato.