Reagisce al rapinatore che scappa e muore

Tenta di rapinare due commessi di un supermercato ma, dopo avere ferito uno dei due in una colluttazione, perde l'arma e scappato a piedi. Il commesso ferito prende la pistola e lo insegue sparando. Il bandito cade in un dirupo ed è ritrovato morto<br />

Biella - Un uomo ha tentato di rapinare due commessi di un supermercato minacciandoli con una pistola ma, dopo avere ferito uno dei due durante una colluttazione, ha perso l'arma ed è scappato a piedi. Il commesso ferito ha preso la pistola, ha inseguito il suo aggressore e gli ha anche sparato alcuni colpi. Durante la fuga, però, il rapinatore è caduto in un dirupo e, quando è stato ritrovato, era morto. L'autopsia dovrà stabilire se la morte è stata causata da eventuali ferite d'arma da fuoco o dalla caduta. L'episodio, riportato oggi dal quotidiano la Stampa, è successo a Masserano nel Biellese, in frazione San Giacomo mentre due commessi del "Centro Freschi" stavano chiudendo il negozio. La coppia, che aveva l'incasso della giornata (10 mila euro), è stata fermata sul retro del supermarket mentre stava salendo in auto. Alberto V., 41 anni, di Varese, reagisce e lotta con il rapinatore, con il volto coperto e armato di pistola. E' quest'ultimo a esplodere il primo colpo ed a ferire il commesso ma nella colluttazione Alberto V., pur ferito, riesce in qualche modo a impadronirsi della pistola e spara a sua volta. Il rapinatore cerca allora di scappare in una vicina boscaglia ma cade per una quindicina di metri in un burrone dove poi viene trovato. Alberto V. viene portato in ospedale, è in prognosi riservata, ma non è in pericolo di vita.