Il Real fra il caso Cassano e l'idea Ancelotti

Il Milan deve trovare un accordo sui 5 milioni che ballano per averlo dalla Samp. Secondo Mundo Deportivo, Mourinho potrebbe lasciare Madrid perchè non verrà accontentato sul mercato. E Florentino Perez ha sempre in testa l'ex tecnico rossonero

Mourinho a Madrid legge la Bibbia (parole sue), ma a Madrid non hanno voglia di porgere l'altra guancia. E quando lui chiede giocatori, loro rispondono picche. Dunque ci potrebbe stare un divorzio a fine stagione e Florentino Perez potrebbe portare l'allenatore dei suoi desideri: Carlo Ancelotti. Meno fantacalcio di quanto sembri, come per esempio il caso Cassano. Real e Milan troveranno un accordo sulle cifre per permettere ai rossoneri di evitare di pagare per intero i 5 milioni richiesti dal Real. Il Milan potrebbe arrivare fino a tre, non di più. Qualcuno dovrà pagare il resto o il Real rinunciare visti i buoni rapporti con il Milan.
Con Ancelotti sarebbe musica diversa, visto che Abramovich non lo tiene più nella manica come qualche tempo fa.
Il presidente del Real Madrid Florentino Perez pensa a Carlo Ancelotti per sostituire Josè Mourinho alla fine della stagione se il tecnico portoghese dovesse decidere di andare via, lo scrive Mundo Deportivo, quotidiano sportiovo di Barcellona. Secondo il quotidiano, il tecnico di Setubal sarebbe scontento perchè chiede che il club compri un nuovo attaccante durante il mercato d'inverno, a causa fra l'altro dell'infortunio di Higuain, ma Perez non sarebbe d'accordo. Il presidente avrebbe previsto di prendere Fernando Llorente, ma solo a fine stagione.
Secondo Mundo Deportivo «conoscendo il carattere del portoghese» a Madrid ci sarebbe «il timore che alla fine della stagione decida di lasciare il Real». In questo caso, stando al giornale, la prima scelta di Perez sarebbe Ancelotti, il quale sarebbe «scontento al Chelsea». Finora però Mourinho non ha dato l'impressione di pensare ad andare via. Nella prefazione di un libro sul club merengue, appena presentato, ha detto che «allenare il Real è come sbarcare sulla Luna». Ma poi c'è sempre un momento in cui si torna dalla luna.