Realizzi sui telefonici

La ripresa di attività, dopo le interruzioni festive del Natale, ha visto Piazza Affari in una situazione particolare rispetto alle altre Borse europee, sempre per effetto degli sviluppi del risiko bancario. Mentre gli indici ufficiali segnano modeste limature, il Midex e soprattutto gli indici Comit e Mediobanca registrano apprezzamenti intorno allo 0,2%. L’attività è ripresa in pieno, con scambi registrati per il controvalore di 3,9 miliardi circa. Sempre di scena Unipol, con il titolo ordinario che guadagna il 4%, mentre i realizzi sono prevalsi sulle azioni delle banche popolari, con la sola eccezione della Sondrio, giunta a sfiorare quota 13 euro. Tra i maggiori istituti Capitalia si rafforza dello 0,22% in prossimità di quota 5 euro. Riprendono a correre i titoli del petrolio, per effetto del nuovo balzo del greggio, con Saipem che migliora dell’1,5%; in calo Enel (meno 0,9%). Realizzate le azioni telefoniche, mentre nei tecnologici forte calo di Fastweb (meno 2,9%). Tra i titoli a scarso flottante, rally di Snai (più 3,8%) per il debutto delle scommesse sul digitale terrestre; ferma Digital Bros (più 3,4%), e ancora in corsa Guala Closures (più 3,7%), dopo il giudizio positivo di Jp Morgan.