Le reazioni nel mondo alla morte di Eltsin

Bush: "E' stato una figura storica". Barroso: "Favorì cooperazione Est-Ovest". Blair: "Uomo straordinario, svolse un ruolo vitale". Gorbaciov: "Fece grandi opere ma anche gravi errori". Shevardnadze: "Se ne va un grande riformatore che fece molto per il suo Paese"

La notizia della scomparsa del primo presidente della Russia ha fatto il giro del mondo in pochi minuti. Immediati i commenti dei "grandi del mondo", tra capi di Stato e capi di governo di oggi e di ieri.

Gorbaciov: "Fece grandi opere ma anche grandi errori" L'ultimo presidente dell'Urss ha espresso le sue condoglianze per la morte del suo antico rivale Eltsin, il primo leader dell'era post-sovietica. "Nella sua storia figurano grandi opere per il bene del Paese ma anche gravi errori", ha affermato l'artefice della perestrojka. "Il suo è stato un tragico destino", ha osservato l'ex presidente russo, tra i primi a commentare la scomparsa del suo successore.

Bush: “Una figura storica” Il presidente degli Stati Uniti George W. Bush avrebbe appreso in una telefonata con il collega russo Vladimir Putin della morte dell'ex presidente russo. La Casa Bianca ha inviato alla Russia e alla famiglia di Eltsin le condoglianze degli Stati Uniti definendo Eltsin "una figura storica". "È stato una figura storica in un tempo i grandi cambiamenti e di grandi sfide per la Russia", ha ribadito il portavoce per la Sicurezza nazionale, Gordon Johndroe. Il portavoce del Dipartimento di Stato, Sean McCormack, ha affermato che "l'ex presidente Eltsin ha guidato la Russia durante un'epoca di trasformazione storica".

Barroso: "Punto di riferimento nella transizione post sovietica" "E' stato un punto di riferimento nella transizione post-comunista in Russia, favorendo la cooperazione tra Est ed Ovest". Lo ha detto, nel suo messaggio di cordoglio, il presidente della Commissione europea, Josè Manuel Barroso, sottolineando "il grande coraggio personale" dello statista russo.

Eltsin: "Vide necessità delle riforme" "E' stato un uomo importante che vide la necessità delle riforme economiche e le difese" e che ha "giocato un ruolo vitale in una fase cruciale" della storia russa: lo ha dichiarato il premier britannico Tony Blair, spiegando di aver appreso "con grande tristezza" la notizia della morte dell'ex leader russo.

Shevardnadze: “Scompare un riformatore e un democratico” Per l'ex presidente della Georgia ed ex ministro degli Esteri sovietico, Eduard Shevardnadze, la morte di Boris Eltsin “è una grande perdita per il popolo russo” e con lui scompare “un riformatore e un democratico” che “fece molto per rafforzare il proprio Paese. Shevardnadze parla di un'amicizia di lunga data con Eltsin, “da quando lavorava a Sverdlovsk”. Da allora i due si erano rivisti più volte in Georgia prima che Eltsin diventasse capo di stato. “La nostra era un'amicizia tra famiglie. Sono molto addolorato per la sua scomparsa” ha aggiunto.