A Recco debutta la focaccia dolce

Chi l’ha provata, superato l’iniziale smarrimento, assicura che l’esperimento funziona: la focaccia di Recco può essere anche dolce. A proporla, fra i dessert del suo menù di fine estate, è la focacceria del ristorante la Manuelina, proprio a Recco. La ricetta è semplice: al posto del classico formaggio, vengono usati fichi e noci per farcire l’impasto.
I clienti sembrano gradire la novità. «La offriamo come assaggio anche al ristorante - racconta Gianni Carbone, titolare della Manuelina-. In passato abbiamo proposto la focaccia con la marmellata, è la prima volta però che la farciamo con i fichi freschi e le noci, una versione che piace a tutti, anche ai tradizionalisti» aggiunge sorridendo.
Lo si potrebbe chiamare uno strudel di Recco, in ricordo del tradizionale dolce altoatesino. In realtà di montano c’è poco: l’impasto è quello della focaccia «tradizionale», i fichi sono uno dei frutti di stagione del Mediterraneo. «È strano, una volta tagliata la pasta, non veder uscire il formaggio - racconta uno dei clienti del locale che ha appena assaggiato il piatto - Una volta assaporata, però, passa ogni dubbio. Il gusto è davvero buono, straordinario». E il ristorante ha addirittura deciso di chiamarla «focaccia Manuelina».