A Recco dodicimila «bombe» pronte per la festa della Madonna

Uno spettacolo scintillante di fuochi d'artificio, con scoppi rimbombanti in tutta la valle, vivacizzati da coreografie multicolori e luci che illuminano a giorno il cielo della città: questa la Sagra del Fuoco di Recco che si svolgerà domenica e lunedì prossimi. I sette quartieri organizzano la festa, in onore della Nostra Signora del Suffragio, patrona della città, una devozione che risale alla fine del 1600. Si acquistano 12mila bombe, si tendono 5 chilometri di cavi elettrici con 7 centraline elettroniche computerizzate, 8 chilometri di passafuochi, 10 mila spolette, 500 accenditori elettrici per dare vita a uno spettacolo conosciuto in tutta Italia per la sua grandezza. Più di 30 mila persone saranno presenti già da sabato: negli stand gastronomici dislocati nelle vie della città, si potranno gustare la focaccia con il formaggio, alfiere della gastronomia recchese e i piatti tradizionali liguri cucinati dai volontari dei quartieri. Il programma delle manifestazioni è stato presentato dal sindaco Gianluca Buccilli e dalla rappresentante dei quartieri Valentina Grazioli, alla presenza dei dirigenti delle Ferrovie dello Stato e del presidente della Regione, Claudio Burlando. Ricco il programma a cominciare dalla sera del 5 quando il quartiere Spiaggia presenterà Luca Palmas che si cimenterà nelle imitazioni, tra cui quella di Renato Zero, invece il quartiere S.Martino presenta il karaoke con Alex. L'apertura degli stand gastronomici ha inizio la sera di sabato per continuare domenica 7 e lunedì 8 alle 12, 30 e alle 19.30.
Sabato alle 21 concerto della Filarmonica Rossini di Recco diretta da Marco Capurro sul sagrato del Santuario di N. S. del Suffragio. Domenica 7 alle 9.30, alzabandiera dei 7 Quartieri della cittadina, alle 10 benedizione dei bambini, alle 21 canto dei Vespri, alle ore 22.30 spettacolo pirotecnico del quartiere Liceto curato da Ugo Lieto. Seguiranno lo spettacolo pirotecnico del quartiere Spiaggia curato dai fratelli Scudo i «guaglioni» e quello del quartiere San Martino curato da Gerardo Scudo.
Lunedì 8 settembre si parte con i botti dei mascoli sparati sul greto del torrente alle 3,30 per dare la sveglia ai recchesi e la messa all'alba delle 4,30. Alle 11 Solenne Concelebrazione Eucaristica presieduta da S. E. Mons. Giulio Sanguineti, vescovo di Brescia, con il Coro Jubileum di Sori e Pieve Ligure. Alle 12.30 Sparata di mascoli del quartiere Verzemma nel greto del torrente di fronte al Santuario, alle 13 spettacolo pirotecnico del quartiere Verzemma curato da Carlo Ferreccio. Alle 19.30 Canto dei Vespri e alle 20 processione per le vie cittadine con l'Arca di N.S. del Suffragio, seguita dalle Confraternite e i loro Crocifissi. Alle 24 sparata di mascoli del quartiere San Martino nel greto del torrente vicino al Santuario. Martedì 9 settembre 2008 alle ore 18.30 ammaina bandiera dei 7 quartieri e alle ore 19.00 S. Messa di ringraziamento alla Madonna da parte dei quartieri.
«Questa manifestazione coinvolge l'intera cittadina da tempi memorabili - racconta Buccilli - il comitato permanente coinvolge dai ragazzini agli anziani; tutti lavorano con spirito di gruppo per fare una bella festa. Quando la statua della Madonna è in processione per le vie cittadine il popolo recchese si raccoglie in preghiera; questo è il momento in cui si esprime una devozione particolare, quasi commovente».
Trenitalia, su richiesta della Regione Liguria, fornisce 5 treni straordinari tra cui uno storico.