Recco e Savona chiudono con il derby

Si chiude con le partite in programma questa sera il girone di andata del massimo campionato di pallanuoto maschile. Recco ad un passo dal titolo di campione d’inverno. Un passo che si chiama Del Monte Savona. Infatti al Boschetto di Camogli (per esigenze televisive non si gioca nell’angusta Punta Sant’Anna) è in programma il classico derby ligure che vede opposti biancocelesti a biancorossi. L’ago della bilancia pende decisamente verso i padroni di casa, ma si sa, nella pallanuoto mai nulla è scontato. C’è da dire che la Pro Recco ha chiuso un anno, il 2007, che difficilmente potrebbe ripetersi nella storia della pallanuoto italiana. Scudetto, Euroleague, Coppa Italia e Supercoppa Europea sono un risultato fantastico, mai ottenuto da una formazione in Europa, quindi al mondo, visto che la pallanuoto che conta è propria del vecchio continente. Che partita si vedrà questa sera al Boschetto (ore 19,30 arbitri Collantoni e Rotunno, con diretta su Rai Sat) non è facile anticiparlo un po’ per scaramanzia, un po’ perché come sempre i derby fanno storia a sé. Solo ieri sono rientrati i vari nazionali, reduci dal collegiale azzurro di Roma: quindi le motivazioni non mancheranno certamente per brillare.
E se siamo solo alla chiusura del girone di andata, c’è chi, come il Savona apre un ciclo terribile. Dettato più da viaggi che da gare proibitive. Stasera il Recco, poi la trasferta a Salerno, quindi il 19 a Budva per la gara di ritorno del Len Trophy. Ma Claudio Mistrangelo non si scompone più di tanto: «Ci stiamo preparando in ottica di un periodo, decisamente lungo e movimentato, non solo per il derby. Credo sia il modo migliore per preparare la gara con determinazione ma senza lo stress dell’avversario».
La giornata non si ferma qui. Due big sono di scena in Liguria. A Bogliasco arriva il Brixia (Caputi e Lo Dico) e farà caldo alla Comunale: i lombardi sperano in uno stop del Recco per agganciarli in vetta alla classifica. A Chiavari arriva il Posillipo (De Cesare e Paoletti): difficle pensare che tipo di gara sarà, nonostante i babies di Casagrande si impegnino allo spasimo. Maggiori problemi per il Nervi, impegnato a Padova (Bianchi e Pascucci) e per il Sori che vola a Salerno (Bensaia e Riccitelli). Ma senza dubbio la nota lieta viene dall’orario: tutte le gare iniziano alle 19,30.