«Recintiamo il parco di via Strozzi»

Parroco e Lega chiedono la firma di una petizione

«Ridateci il nostro parco». E anche il parroco impugna la penna e firma contro gli extracomunitari sudamericani che si ubriacano e rendono invivibili le notti dei residenti. Non solo. Sabato sera, durante la predica, finito di commentare il Vangelo ha invitato anche i fedeli ad andare a mettere nome e cognome sotto la petizione che chiede di recintare il giardino di via Strozzi, in zona Bande nere, tra viale Caterina da Forlì e via Soderini.
A raccogliere le adesioni la Lega Nord che ha messo in zona un gazebo per chiedere una cancellata a difesa del parco. Un fazzoletto di verde «colonizzato ogni venerdì, sabato e domenica da centinaia di immigrati incivili» accusano i militanti del Carroccio che raccontano di aver raccolto il grido di dolore dei residenti. Che, in moltissimi, hanno firmato tra ieri e sabato per chiedere una recinzione dell’area, così com’è già stato fatto in piazza Vetra, in centro. E con ottimi risultati. Fra di loro, a raccontarlo è il neo onorevole della Lega Matteo Salvini, anche il parroco della chiesa di don Orione. «Che - aggiunge - ha invitato anche i fedeli durante la predica di sabato sera a mettere la firma sotto la nostra petizione». (...)