Recital di Kaufmann, tenore emergente

Questa sera il concerto che decreterà la celebrità definitiva a Jonas Kaufmann, tenore emergente e spauracchio dei cantanti che interpretano il suo repertorio.Kaufmann, con Helmut Deutsch al pianoforte, interpreta brani di Schubert, Britten e Richard Strauss, senza considerare i bis che sicuramente saranno richiesti dal pubblico. Gli spettatori della Scala si sentono orfani del divismo e, anche se i frequentatori della sala del Pirmarini, si dicono «superiori» a queste manifestazioni, la maggior parte del pubblico ha bisogno di un «mito» e forse, con questo recital ne potrebbe nascere uno. C'è interesse per questo tenore che prelude al ruolo, non sempre amato, di Alfredo in «Traviata», l'opera che prossimamente verrà rappresentata nel massimo teatro milanese con Kaufmann come Alfredo. Perfino i «nemici» parlano benissimo di lui e c'è chi ricorda un suo Faust strepitoso e una Carmen dove la sua voce dal centro brunito ma dagli acuti facili ha fatto delirare i presenti. Jonas Kaufmann è nato a Monaco di Baviera e canta in parecchie lingue. Ha avuto la modestia di essere presente per ben due anni nel non blasonato Saarbuecken, dove si è fatto «il» repertorio. Quando si è sentito pronto ha spiccato il volo, ed è arrivato alla Scala, in un recital tutto suo, così come si conviene ad un futuro divo.
Oggi, il suo repertorio spazia da Bach alla musica del Novecento. Kaufmann è un tenore molto richiesto dai teatri e in Italia ha già cantato sotto la direzione del Maestru Muti a Firenze e al Regio di Torino con Jeffrey Tate. Prossimamente si esibirà all'Accademi di Santa Cecilia a Roma nella «Damnation de Faust». Dal 2001 da parte dell'Ensemble di canto all'Opera di Zurigo. Con le registrazioni discografiche ha un rapporto del tutto speciale prediligendo rarità musicali quali «Die drei Wuensche» di Carl Loewe o «Die Jakobsletter» di Schoenberg.
Jonas Kaufmann
teatro alla Scala
stasera ore 20
info: 02-72003744